In vetrina

Visualizza più prodotti

Scarpe Antinfortunistiche UPower

Le scarpe antinfortunistiche rientrano nella categoria dei Dispositivi di Sicurezza Individuali obbligatori nelle aree di lavoro e pertanto devono rispettare le più recenti normative ed avere i requisiti necessari per qualsiasi settore o ambiente lavorativo. Think Safe ha scelto di avvelersi della collaborazione di uno dei principali produttori di calzature da lavoro, U-Power. Le scarpe UPower vengono progettate e prodotte nel rispetto delle più recenti normative in termini di sicurezza ed offrono all'utilizzatore, oltre alla sicurezza un comfort mai riscontrato prima nel mondo delle calzature da lavoro. Inoltre il vasto assortimento UPower ti permette di scegliere il modello più adatto anche ai tuoi gusti, potrai scegliere tra tanti modelli di scarpe da donna, scarpe estive e leggere, scarpe invernali e impermeabili, scarpe bianche antinfortunistichesandali e ciabatte da lavoro, solettelacci, accessori e molto altro ancora. La scelta della scarpa antinfortunistica è molto importante per questo ti riassumiamo le principali caratteristiche delle scarpe da lavoro:


Requisiti Di Base Obbligatori:

SB: Puntale resistente all'urto di 200 J + Requisiti di antiscivolo

S1/01: Requisiti della SB + Parte Posteriore chiusa + antistaticità + FO resistenza agli idrocarburi + Capacità di assorbimento di energia del tallone

S2/02: Requisiti della S1 + impermeabilità dinamica del materiale uso tomaio

S3/03: Requisiti della S2 + lamina antiforo + Suola con tasselli o scolpitura

Abbigliamento da lavoro professionale

La protezione sul lavoro non è più una scelta personale, ma un obbligo di legge per la quale se ne decreta l’utilizzo, abbigliamento ad alta visibilità quindi (giacche e panciotti catarifrangenti) rientrano anch’essi nella tipologia di abbigliamento antinfortunistica. La normativa UNI EN 340 "Abbigliamento di protezione - Requisiti generali" stabilisce quelle che sono le caratteristiche peculiari e distintive di ogni categoria di prodotto di protezione individuale. I "Requisiti Generali" relativi all'abbigliamento da lavoro poste all'interno del contrassegno forniscono le specifiche indicazioni sul costruttore, taglia, manutenzione e caratteristiche di invecchiamento e limiti del capo. Think Safe ha selezionato per te una gamma completa di indumenti da lavoro per soddisfare qualunque esigenza


Le Principali Normative Da Conoscere:

ISO 13688 - Abbigliamento di protezione - Requisiti generali Lo standard internazionale specifica i requisiti generali e le raccomandazioni per l’ergonomia, l’invecchiamento, il dimensionamento e la marcatura degli indumenti di protezione, e per le informazioni fornite dal fabbricante. Ogni indumento certificato in questo catalogo è anche certificato ISO 13688. Questo standard sostituisce il vecchio standard EN340

ENISO 20471- La norma specifica i requisiti per indumenti ad alta visibilità, che segnalano visivamente la presenza dell’utente. L’abbigliamento ad alta visibilità è destinato a fornire visibilità di chi lo indossa in ogni condizione di luce se visto dagli operatori di veicoli o altre attrezzature meccanizzate in condizioni di illuminazione diurna e sotto illuminazione di fari nel buio.

EN 343 - Abbigliamento di protezione, protezione dalla pioggia EN343 è lo standard europeo armonizzato per indumenti che vengono indossati in condizioni di tempo avverse. Specica le caratteristiche di protezione contro il cattivo tempo, vento e freddo sotto i -5°c. X = Impermeabilità (3 livelli) Y = Traspirabilità (3 livelli)

EN 342 Abbigliamento di protezione - Indumenti e completi per la protezione dal freddo

EN 510 - Abbigliamento di protezione da utilizzare dove vi è rischio di impigliamento La presente norma specica le proprietà di indumenti protettivi che riducono al minimo il rischio di aggrovigliamento o di impedimento di parti in movimento, quando chi le indossa sta lavorando su o vicino pericolose macchine in movimento o dispositivi. 

Guanti di protezione e anti taglio

guanti da lavoro sono un dispositivo di protezione individuale usato per proteggere le mani da diversi tipi di agenti dannosi, tra i quali alcune tipologie di sostanze chimiche e materiali industriali, agenti patogeni, alte temperature e freddo intenso. Vi proponiamo una vasta gamma di guanti tecnici per soddisfare ogni esigenza: guanti in nitrile, guanti anti taglio, guanti anti vibrazioniguanti in pelle, guanti di gomma, guanti monouso, guanti per uso alimentare, guanti in cotone, guanti per giardinaggio, guanti anticalore per fare solo qualche esempio. 


Dispositivi di sicurezza e anticaduta

Per dispositivo di protezione individuale (DPI) si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi presenti nell'attività lavorativa, suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonchè ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo.


DPI devono essere prescritti solo quando non sia possibile attuare misure di prevenzione dei rischi (riduzione dei rischi alla fonte, sostituzione di agenti pericolosi con altri meno pericolosi, utilizzo limitato degli stessi), adottare mezzi di protezione collettiva, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro. Il lavoratore è obbligato a utilizzare correttamente tali dispositivi, ad averne cura e a non apportarvi modifiche, segnalando difetti o inconvenienti specifici. Per alcuni DPI è fatto obbligo di sottoporsi a programmi di formazione e di addestramento. L'art. 76 del D.Lgs. n. 81/08 indica le caratteristiche che devono avere i DPI per poter essere utilizzati:

  • devono essere adeguati ai rischi da prevenire e alla loro entità senza comportare di per sé un rischio maggiore
  • devono essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro
  • devono essere rispondenti alle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore
  • devono poter essere adattabili all'utilizzatore secondo le sue necessità
  • devono essere in possesso dei requisiti essenziali intrinseci di sicurezza, cioé essere conformi alle norme di cui al D.Lgs. 4 dicembre 1992, n. 475 (marcatura CE) e sue successive modificazioni.